Vitruvio Bologna: visite guidate, trekking e spettacoli

Note dall'Aldilà: il Risorgimento di Rossini

Percorso realizzato nel rispetto delle distanze di sicurezza, vista l'ordinanza del Ministro della Salute del 9 aprile 2021, oltre a linee guida della Citta' metropolitana di Bologna
 

Note dell'Aldilà: Il Risorgimento di Rossini

prenota online!

POSTI LIMITATI - Prenotazione obbligatoria
Ritrovo: sabato 19 giugno (ore 21.30);  3 settembre (ore 21.30) - via della Certosa 18, Bologna
Prossime date:  4 settembre (ore 21.30)
Contributo a persona, da corrispondere in contanti all'accoglienza: : € 12,00 biglietto intero (€ 8,00 minori di anni 12) + € 2,00 devoluti per la Certosa. 
Durata: un'ora e mezza circa
Info e prenotazioni: tel. 329 3659446 - associazione.vitruvio@gmail.com 

1801-1848. Negli anni tra la rivolta giacobina e la prima guerra d’Indipendenza, in città abita la famiglia Rossini. Il padre, Giuseppe, suona la tromba al Teatro Marsigli, dove canta la madre, Anna Guidarini. Il figlio, Gioachino, studia al Liceo Musicale appena istituito e, fra alti e bassi, una volta divenuto celebre, stabilisce a Bologna la sua residenza principale, diventa ‘direttore’ del Liceo, sposa la soprano Colbran, è protagonista dei salotti più importanti, è ospite dei teatri, conosce il redattore di una sua celebre biografia, fino alla fuga a causa dei moti del ’48.

gioacchino rossini

Questa avventura può essere narrata in un itinerario attraverso i monumenti funebri di tutti i protagonisti: i genitori, la moglie, i maestri del liceo, i nobili amici, il biografo, i cantanti protagonisti delle sue opere, i patrioti che lo hanno difeso all’indomani della sua partenza.

Fra picchi di notorietà e disastri inaspettati scopriremo aneddoti curiosi sulle opere “L’equivoco stravagante” e “L’inutile precauzione”, in un contesto storico estremamente tumultuoso.

 

L'iniziativa fa parte della rassegna "Note dall'Aldilà" che comprende i due spettacoli "Note dall'Aldilà: Bologna a Teatro" e "Note dall'Aldilà: il Risorgimento di Rossini" che, con l'accompagnamento della musica, ci fa entrare nella Certosa di Bologna, grande libro della città scolpito sulla pietra che si erge a custodire le spoglie di chi l'ha scritto. Due percorsi per fare un viaggio dentro a all'affascinante teatro monumentale che celebra la nostra storia e custodisce mille segreti.

Clicca qui e scopri il percorso "Note dall'Aldilà: Bologna a Teatro"

 
 

Note dall'Aldilà: Bologna a Teatro

Percorso realizzato nel rispetto delle distanze di sicurezza, vista l'ordinanza del Ministro della Salute del 9 aprile 2021, oltre a linee guida della Citta' metropolitana di Bologna

 

prenota online!

POSTI LIMITATI - Prenotazione obbligatoria
Ritrovo: sabato 19 giugno (ore 19.30) - 3 settembre (ore 19.30) - via della Certosa 18, Bologna
Prossime date: 4 settembre (ore 19.30)
Contributo a persona, da corrispondere in contanti all'accoglienza: : € 12,00 biglietto intero (€ 8,00 minori di anni 12) + € 2,00 devoluti per la Certosa. 
Durata: un'ora e mezza circa
Info e prenotazioni: tel. 329 3659446 - associazione.vitruvio@gmail.com 

Bologna è una città di teatri. Certo, alcuni avevano aperto i battenti prima dell’avvento della Rivoluzione e altri apriranno nel corso del XIX secolo; molti vivranno una vita effimera, pochi saranno aperti oltre il secondo conflitto mondiale, e solo due sono rimasti attivi fino ad ora ininterrottamente da quell’epoca lontana.

teatri bologna


Attraverseremo i luoghi (rievocati idealmente grazie alle tombe dei protagonisti e le opere monumentali del tempo) tracciando una mappa affascinante di avventure non solo musicali: un racconto che incrocia la storia della città e quella del teatro musicale, le vicende dei cantanti con quelle delle famiglie proprietarie dei luoghi, mescolando l’arte persino con la
cronaca nera!

 

 

L'iniziativa fa parte della rassegna "Note dall'Aldilà" che comprende i due spettacoli "Note dall'Aldilà: Bologna a Teatro" e "Note dall'Aldilà: il Risorgimento di Rossini" che, con l'accompagnamento della musica, ci fa entrare nella Certosa di Bologna, grande libro della città scolpito sulla pietra che si erge a custodire le spoglie di chi l'ha scritto. Due percorsi per fare un viaggio dentro a all'affascinante teatro monumentale che celebra la nostra storia e custodisce mille segreti.

Clicca qui e scopri il percorso "Note dall'Aldilà: il Risorgimento di Rossini"

 

Rassegna Note dall'Aldilà: due percorsi, accompagnati dalla musica

Percorso realizzato nel rispetto delle distanze di sicurezza, vista l'ordinanza del Ministro della Salute del 9 aprile 2021, oltre a linee guida della Citta' metropolitana di Bologna
 

La Rassegna "Note dall'Aldilà" comprende i due spettacoli "Note dall'Aldilà: Bologna a Teatro" e "Note dall'Aldilà: il Risorgimento di Rossini" che, con l'accompagnamento della musica, ci fa entrare nella Certosa di Bologna, grande libro della città scolpito sulla pietra che si erge a custodire le spoglie di chi l'ha scritto. Due percorsi per fare un viaggio dentro a all'affascinante teatro monumentale che celebra la nostra storia e custodisce mille segreti.

Alla Certosa nelle notti di questa estate puoi immergerti nella magica opulenza dell'800 dove vi faremo rivivere gli eccezionali eventi che cambiarono Bologna, dall’arrivo di Napoleone Bonaparte in città fino alla vigilia della Grande Guerra.

Scoprirai una città di teatri. Di musica, di opere e di guerre. 

In compagnia di Maria Chiara Mazzi (Docente, Accademico Filarmonico di Bologna nella classe dei Musicologi e iscritta all'Ordine Nazionale dei Giornalisti nell'elenco dei pubblicisti) e dell'attrice Francesca Tranchida, puoi partecipare a due spettacoli itineranti che hanno come colonna sonora opere selezionate dalla ricchissima scelta dalla nostra storia operistica e sinfonica oltre che dalle note seducenti dei café chantant.

I percorsi nel dettaglio:

 

Note dell'Aldilà: Bologna a Teatro

prenota online!

POSTI LIMITATI - Prenotazione obbligatoria
Ritrovo: 3 settembre (ore 19.30) - via della Certosa 18, Bologna
Prossime date:   4 settembre (ore 19.30)
Contributo a persona, da corrispondere in contanti all'accoglienza: : € 12,00 biglietto intero (€ 8,00 minori di anni 12) + € 2,00 devoluti per la Certosa. 
Durata: un'ora e mezza circa
Info e prenotazioni: tel. 329 3659446 - associazione.vitruvio@gmail.com 

Bologna è una città di teatri. Certo, alcuni avevano aperto i battenti prima dell’avvento della Rivoluzione e altri apriranno nel corso del XIX secolo; molti vivranno una vita effimera, pochi saranno aperti oltre il secondo conflitto mondiale, e solo due sono rimasti attivi fino ad ora ininterrottamente da quell’epoca lontana.

Attraverseremo i luoghi (rievocati idealmente grazie alle tombe dei protagonisti e le opere monumentali del tempo) tracciando una mappa affascinante di avventure non solo musicali: un racconto che incrocia la storia della città e quella del teatro musicale, le vicende dei cantanti con quelle delle famiglie proprietarie dei luoghi, mescolando l’arte persino con la
cronaca nera!

 

 

Note dell'Aldilà: Il Risorgimento di Rossini

prenota online!

POSTI LIMITATI - Prenotazione obbligatoria
Ritrovo: 3 settembre (ore 21.30) - via della Certosa 18, Bologna
Prossime date: 4 settembre (ore 21.30)
Contributo a persona, da corrispondere in contanti all'accoglienza: : € 12,00 biglietto intero (€ 8,00 minori di anni 12) + € 2,00 devoluti per la Certosa. 
Durata: un'ora e mezza circa
Info e prenotazioni: tel. 329 3659446 - associazione.vitruvio@gmail.com 

1801-1848. Negli anni tra la rivolta giacobina e la prima guerra d’Indipendenza, in città abita la famiglia Rossini. Il padre, Giuseppe, suona la tromba al Teatro Marsigli, dove canta la madre, Anna Guidarini.

Il figlio, Gioachino, studia al Liceo Musicale appena istituito e, fra alti e bassi, una volta divenuto celebre, stabilisce a Bologna la sua residenza principale, diventa ‘direttore’ del Liceo, sposa la soprano Colbran, è protagonista dei salotti più importanti, è ospite dei teatri, conosce il redattore di una sua celebre biografia, fino alla fuga a causa dei moti del ’48.

Questa avventura può essere narrata in un itinerario attraverso i monumenti funebri di tutti i protagonisti: i genitori, la moglie, i maestri del liceo, i nobili amici, il biografo, i cantanti protagonisti delle sue opere, i patrioti che lo hanno difeso all’indomani della sua partenza. Fra picchi di notorietà e disastri inaspettati scopriremo aneddoti curiosi sulle opere “L’equivoco stravagante” e “L’inutile precauzione”, in un contesto storico estremamente tumultuoso.

 
 

D'oro e d'argento: escursione a Vallesanta

Percorso realizzato nel rispetto delle distanze di sicurezza, vista l'ordinanza del Ministro della Salute del 9 aprile 2021, oltre a linee guida della Citta' metropolitana di Bologna
 

vallesantaprenota online!
Posti limitati, prenotazione obbligatoria
Ritrovo: 
presso il parcheggio in fondo a via Bastia Levante, Argenta (FE)
Prossime date: 
Contributo a persona da corrispondere in contanti all'accoglienza: € 10,00
Durata: due ore circa
Difficoltà percorso: T - Cosa significa? Clicca qui per approfondire

Info e prenotazioni: tel. 329 3659446 - associazione.vitruvio@gmail.com

 

consigliate scarpe comode con suola antiscivolo

Una semplice escursione naturalistica affacciati sulle valli argentee che si estendono a perdita d'occhio sfumando nell'oro dei canneti, in una pianura incastonata fra Idice e Sillaro, con i colossali manufatti della Bonifica intagliati all'orizzonte.

Un ambiente di straordinario interesse conservazionistico, parte delle sesta stazione del Parco del Delta del Po, frutto di secoli di adattamenti e battaglie dell'uomo con le acque della nostra pianura.  

Ali sull'acqua: trekking nelle valli

Percorso realizzato nel rispetto delle distanze di sicurezza, vista l'ordinanza del Ministro della Salute del 9 aprile 2021, oltre a linee guida della Citta' metropolitana di Bologna

  

ali trekkingprenota online!
POSTI LIMITATI - Prenotazione obbligatoria
Ritrovo:  presso il Parcheggio in fondo a Strada Di Foce (Comacchio, FE), dove la strada finisce. Ritrovo all'ingresso del parcheggio subito oltre il ponte di ferro
Contributo a persona, da corrispondere in contanti all'accoglienza: € 12,00 (€ 8,00 fino agli 11 anni) - iniziativa non adatta ai minori di 8 anni.

Durata: 2 ore e mezza circa
Difficoltà percorso: T - Cosa significa? Clicca qui per approfondire

Info e prenotazioni: tel. 329 3659446 - associazione.vitruvio@gmail.com 

consigliate scarpe comode con suola antiscivolo

Un’escursione fra terre ed acque del Delta, dove le macchie bianco-rosate dei gruppi di fenicotteri segnano il passaggio fra l’acqua ed il cielo, una camminata lungo i sentieri che si insinuano nelle Valli di Comacchio, simbolo del Delta Emiliano.

ali trekking valli Comacchio


Toccheremo il margine delle Saline dominate dalla cinquecentesca Torre Rossa, Zona Ramsar, cioè zona umida di interesse internazionale per la tutela della biodiversità ed in particolare della fauna avicola, che, oltre alle più evidenti presenze: aironi, avocette, cavalieri d’italia, fenicotteri, ospita una miriade di forme avicole più schive, rare curiose e di particolare interesse conservazionistico. Il nostro percorso continuerà lungo gli argini di valli e canali colorati dai bilancioni, affacciandoci sugli affascinanti e davvero imprevedibili intrecci storici che hanno segnato il passato di questo territorio in bilico fra terra ed acqua.

Giunti in un punto di osservazione che domina le valli ritorneremo alla partenza concludendo l’escursione completamente immersi nella cultura e natura del Delta.

 

ali sull'acqua trekking valli Comacchio

 

Andante mosso con brio

Percorso realizzato nel rispetto delle distanze di sicurezza, vista l'ordinanza del Ministro della Salute del 9 aprile 2021, oltre a linee guida della Citta' metropolitana di Bologna
 

  

andante mosso con brioprenota online!
POSTI LIMITATI - Prenotazione obbligatoria
RitrovoPiazza di Porta Ravegnana (sotto Torre Asinelli), Bologna 
Contributo a persona, da corrispondere in contanti all'accoglienza: € 12,00 percorso + € 3,00 biglietto di ingresso al Museo Internazionale e Biblioteca della Musica di Bologna
Durata: un'ora e mezza circa

Difficoltà percorso: T - Cosa significa? Clicca qui per approfondire
Info e prenotazioni: tel. 329 3659446 - associazione.vitruvio@gmail.com 

 

Bologna città di torri e di buon cibo. Le due torri sono un simbolo, l'indiscussa icona, insieme ai portici, che identifica la città che ha il più grande centro medievale del mondo occidentale. Piazza di Porta Ravegnana è dominata dalla torre degli Asinelli, la più alta, ed è affiancata dalla torre Garisenda, la più inclinata, che Dante ricorda nel XXXI canto dell'Inferno, paragonandola al gigante Anteo. I Garisendi furono proprietari terrieri, commercianti di panni di lana, cambiatori di denaro. Affittarono animali e furono proprietari di ospizi (hospicia, cosi si chiamavano allora gli alberghi). Numerosi fiorentini ebbero rapporti commerciali con i Garisendi. Tra il 1274 ed il 1330 sono reperibili diverse testimonianze che attestano l'esistenza di varie locande, che appartenevano ai Garisendi di Porta Ravegnana, gestite da fiorentini. Queste ospitavano quasi esclusivamente persone della città e del contado di Firenze. In Piazza di Porta Ravegnana, tra la fine del ‘200 e l’inizio del ‘300, nei giorni festivi si teneva uno spettacolo di musica e poesia popolare, con la partecipazione di cantastorie (cantimpanca) e giullari, che spesso cantavano e diffondevano le canzoni composte da trovadori e poeti. Quali erano le indiscrezioni, le falsità, le opinioni politiche che animavano i tavoli di queste locande toscane nel cuore di Bologna? Quali versi e quali storie venivano cantate? Cercheranno di scoprirlo due improbabili personaggi, discendenti rispettivamente del proprietario dell'osteria e del musicista nei giorni in cui Dante passeggiava nel centro storico di Bologna. Grazie agli appunti dei loro avi, che al suono della nichelarpa e della ghironda allietavano le serate negli Ospicia dei Garisendi. Questo bizzarro incontro terminerà all'interno di una torre medievale privata consentendo di spaziare con lo sguardo sui tetti della città. Uno spettacolo itinerante che darà vita ai tanti bolognesi poco noti citati dal sommo poeta nella Bologna del 1200, quasi 1300. Il percorso termina al Museo Internazionale e Biblioteca della Musica di Bologna, inaugurato nel 2004, che si trova nel centro storico di Bologna, nel prestigioso Palazzo Sanguinetti.

 

 

L'iniziativa è inserita nel programma per i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, scelta dal Comitato Nazionale per le celebrazioni del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, e nel progetto Dante del Programma Turistico di Promozione Locale (PTPL) della Città Metropolitana di Bologna. 

 
 
 

Wild: oltre la Chiusa

NUOVO PERCORSO

 
Percorso realizzato nel rispetto delle distanze di sicurezza, vista l'ordinanza del Ministro della Salute del 9 aprile 2021, oltre a linee guida della Citta' metropolitana di Bologna

 

foto della chiusa di Casalecchioprenota online!
Posti limitati, prenotazione obbligatoria
Ritrovo:
Ponte di via Toscana, nello spiazzo all'angolo di Via Toscana con Via Ardigò, Bologna
Prossime date: 
Contributo a persona da corrispondere in contanti all'accoglienza: € 10,00 (€ 8,00 fino agli 11 anni) - iniziativa non adatta ai minori di 8 anni

Durata: due ore circa
Difficoltà percorso: E - Cosa significa? Clicca qui per approfondire
Info e prenotazioni: tel. 329 3659446 - associazione.vitruvio@gmail.com

richieste scarpe da trekking e almeno una torcia ogni due persone


Le vene d'acqua si fanno torrente, si alternano prati e distese di ginestre, la natura urbana si fa selva.

A 800 anni dalla costruzione della Chiusa a San Ruffillo, Vitruvio celebra le acque bolognesi con un percorso storico-naturalistico alle porte della città, lungo le sponde del Torrente Savena, risalendone i versanti fino ad affacciarsi sulla città, in un percorso fatto di mille sfumature di verde, dagli angoli più selvaggi e impenetrabili, alle macchie di vegetazione mediterranea, fino ai prati più iconici dei primi colli cittadini.

Acqua, paesaggio e biodiversità si fondono alla storia in un'escursione che, anche senza andare lontano, ci porta ben oltre la storica Chiusa sul Torrente Savena.

 

Bologna celebra Dante: le iniziative speciali con Vitruvio

Percorsi realizzati nel rispetto delle distanze di sicurezza, visto il DPCM del 2 marzo 2021: oltre a linee guida della Città metropolitana di Bologna

 

Le iniziative a Bologna con l'Associazione Vitruvio per celebrare Dante Alighieri

Nel 2021 ricorrono i 700 anni dalla morte del Sommo poeta e, in tutta Italia, un ricchissimo calendario di eventi sarà occasione per approfondire le nostre conoscenze. Dante ha avuto una vita piena e movimentata, infatti, nel corso della sua vita (1265-1321), ha viaggiato e vissuto in luoghi diversi.  Da Firenze che lo vide nascere e poi lo esiliò, per terminare a Ravenna, che lo accolse fino alla fine dei suoi giorni. Nel suo, celebre, cammino di vita tocco Roma, Arezzo, Forlì, Pisa... e anche Bologna. Per questo Vitruvio ha messo a punto e presentato delle iniziative dedicate a Dante al Comitato per le Celebrazioni preposto dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo. 

"Il Comitato per le celebrazioni di Dante, presieduto da Carlo Ossola, ha selezionato cento progetti tra gli oltre 400 pervenuti", lo ha detto il ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini, nel corso della conferenza stampa a Firenze per la presentazione delle iniziative cittadine per le celebrazioni dei settecento anni dalla morte di Dante Alighieri. 

Siamo orgogliosi di raccontarvi che tra i cento progetti selezionati dal Comitato, quindici riguardano il territorio bolognese e fra questi quattro sono stati presentati da Vitruvio: "AnDante mosso con brio", "Colli Gaudenti - Speciale Dante", "Dante e l'Indovinello della Garisenda" e "Tra-ghetto, l'inferno di Bologna".  In molti ricorderanno quest'ultimo come uno degli spettacoli di punta di Vitruvio, con un percorso affascinante nel sotterraneo del torrente Aposa, chiuso dal 2011 per lavori di manutenzione e, dopo dieci anni, non ancora terminati. Purtroppo al momento la situazione rimane invariata, per cui lo terremo "pronto" per quando sarà possibile tornare a visitare il sito cittadino. Da molti anni, insieme al "Comitato Salviamo il Navile", stiamo sollecitando l'amministrazione comunale affinché dia seguito al patto di cittadinanza attiva che consentirebbe la riapertura del corso sotterraneo dell'Aposa. Ill 2021, grazie a Dante, farà questo regalo alla città?


Per gli altri percorsi danteschi, la prima data da segnare in agenda è il 25 marzo: dal 2019 questo giorno è diventato ufficialmente il "Dantedì". Secondo gli studiosi, infatti, proprio il 25 marzo del 1300 Dante Alighieri inizia la sua discesa agli inferi “Nel mezzo del cammin di nostra vita”. E il 25 marzo abbiamo in programma "Colli Gaudenti - Speciale Dante".
Un'altra bella notizia? Facciamo due!
 "AnDante Mosso" verrà realizzato con la collaborazione del Museo Internazionale e Biblioteca della Musica e le iniziative a tema di Vitruvio sono inserite nel progetto Dante del Programma Turistico di Promozione Locale (PTPL) della Città Metropolitana di Bologna. 

A 700 anni dalla sua morte, Dante continua a creare cultura.


Le iniziative speciali di Vitruvio a Bologna

 

In programma:
Colli Gaudenti Speciale Dante

Prenota online
POSTI LIMITATI - Prenotazione obbligatoria

Ritrovo: giovedì 25 marzo (ore 16.00) - Giardino Norma Mascellani, vicino  all'edicola e chiosco dei gelati. Il giardino è alla biforcazione di via San Mamolo, segnalata con il cartello: dal civico 97 all 111, Bologna
Contributo a persona, da corrispondere in contanti all'accoglienza: € 12,00 (€ 8,00 fino agli 11 anni) - iniziativa non adatta ai minori di 8 anni.
Durata: 2 ore e mezza circa
Difficoltà percorso: T - Cosa significa? Clicca qui per approfondire
Info e prenotazioni: tel. 329 3659446 - associazione.vitruvio@gmail.com
Per il Dantedì, il 25 marzo, proponiamo un percorso che ci porta inevitabilmente sulle orme di Dante Alighieri, dominando la città dall’alto delle colline di Valverde, mentre lo sguardo si perde sulla città turrita. Il racconto e le suggestioni ci riportano indietro alla Bologna dantesca, straziata dai conflitti intestini fra le fazioni opposte. Lasceremo quindi il percorso che conduce alla Chiesa di Gaibola, la chiesa sulla grotta, sull’Abisso, dedicata all’Arcangelo Michele, con tutta la sua simbologia, per poi toccare la scarpata delle mitiche “Salse”, toponimo interessante, dalle diverse possibili origini e antico luogo di esecuzione capitale. Secondo la leggenda, le “Salse” furono di ispirazione per le “pungenti salse” delle stesse Malebolge, dove un Venedico Caccianemico, guelfo, martoriato dai demoni, proferiva crude parole contro la sua stessa città. Scopri di più

 

In attesa: 
AnDante mosso con brio

Bologna città di torri e di buon cibo. Le due torri sono un simbolo, l'indiscussa icona, insieme ai portici, che identifica la città che ha il più grande centro medievale del mondo occidentale. Piazza di Porta Ravegnana è dominata dalla torre degli Asinelli, la più alta, ed è affiancata dalla torre Garisenda, la più inclinata, che Dante ricorda nel XXXI canto dell'Inferno, paragonandola al gigante Anteo. I Garisendi furono proprietari terrieri, commercianti di panni di lana, cambiatori di denaro. Affittarono animali e furono proprietari di ospizi (hospicia, cosi si chiamavano allora gli alberghi). Numerosi fiorentini ebbero rapporti commerciali con i Garisendi. Tra il 1274 ed il 1330 sono reperibili diverse testimonianze che attestano l'esistenza di varie locande, che appartenevano ai Garisendi di Porta Ravegnana, gestite da fiorentini. Queste ospitavano quasi esclusivamente persone della città e del contado di Firenze. In Piazza di Porta Ravegnana, tra la fine del ‘200 e l’inizio del ‘300, nei giorni festivi si teneva uno spettacolo di musica e poesia popolare, con la partecipazione di cantastorie (cantimpanca) e giullari, che spesso cantavano e diffondevano le canzoni composte da trovadori e poeti. Quali erano le indiscrezioni, le falsità, le opinioni politiche che animavano i tavoli di queste locande toscane nel cuore di Bologna? Quali versi e quali storie venivano cantate? Cercheranno di scoprirlo due improbabili personaggi, discendenti rispettivamente del proprietario dell'osteria e del musicista nei giorni in cui Dante passeggiava nel centro storico di Bologna. Grazie agli appunti dei loro avi, che al suono della nichelarpa e della ghironda allietavano le serate negli Ospicia dei Garisendi. Questo bizzarro incontro terminerà all'interno di una torre medievale privata consentendo di spaziare con lo sguardo sui tetti della città. Uno spettacolo itinerante che darà vita ai tanti bolognesi poco noti citati dal sommo poeta nella Bologna del 1200, quasi 1300.

Colli Gaudenti

Percorso realizzato nel rispetto delle distanze di sicurezza, vista l'ordinanza del Ministro della Salute del 9 aprile 2021, oltre a linee guida della Citta' metropolitana di Bologna
 

  

prenota online!
POSTI LIMITATI - Prenotazione obbligatoria
Ritrovosabato 5 giugno (ore 15.00) Giardino Norma Mascellani, vicino  all'edicola e chiosco dei gelati. Il giardino è alla biforcazione di via San Mamolo, segnalata con il cartello: dal civico 97 al 111, Bologna 

Prossime date: sabato 12 giugno (ore 15.00); sabato 19 giugno (ore 15.00); sabato 26 giugno (ore 15.00); 
Contributo a persona, da corrispondere in contanti all'accoglienza: € 12,00 (€ 8,00 fino agli 11 anni) - iniziativa non adatta ai minori di 8 anni.
Durata: 2 ore e mezza circa
Difficoltà percorso: T - Cosa significa? Clicca qui per approfondire

Info e prenotazioni: tel. 329 3659446 - associazione.vitruvio@gmail.com 

Per celebrare i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, proponiamo un percorso che ci porta inevitabilmente sulle orme del Sommo Poeta, dominando la città dall’alto delle colline di Valverde, mentre lo sguardo si perde sulla città turrita. Una camminata storico-naturalistica alla scoperta di cronache medievali bolognesi che ci porterà in alcuni dei luoghi più suggestivi della prima collina che dalla Val d’Aposa si affaccia sul centro storico della città.

 

 

Cammineremo nel fresco di boschi, prati e sentieri panoramici, fra alberi monumentali, curiosità naturali intrise di cultura medievale (dal dato biologico al simbolismo, dalla medicina classica fino agli usi militari delle essenze botaniche). Si avvicenderanno racconti di ordini monastici e cavalieri, attraversando il Parco di Villa Ghigi e seguendo i sentieri collinari fino all’antico Eremo di Ronzano, un tempo quartier generale della Milizia della Beata Vergine Gloriosa, i "Frati Gaudenti".

Il racconto e le suggestioni ci riportano indietro alla Bologna dantesca, straziata dai conflitti intestini fra le fazioni opposte. Lasceremo quindi il percorso che conduce alla Chiesa di Gaibola, la chiesa sulla grotta, sull’Abisso, dedicata all’Arcangelo Michele, con tutta la sua simbologia, per poi toccare la scarpata delle mitiche “Salse”, toponimo interessante, dalle diverse possibili origini e antico luogo di esecuzione capitale. Secondo la leggenda, le “Salse” furono di ispirazione per le “pungenti salse” delle stesse Malebolge, dove un Venedico Caccianemico, guelfo, martoriato dai demoni, proferiva crude parole contro la sua stessa città.

 

L'iniziativa è inserita nel programma per i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri, scelta dal Comitato Nazionale per le celebrazioni del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, e nel progetto Dante del Programma Turistico di Promozione Locale (PTPL) della Città Metropolitana di Bologna. 

Un weekend a tema acquatico: l'omaggio di Vitruvio alla Giornata Mondiale dell'Acqua

 

Percorsi realizzati nel rispetto delle distanze di sicurezza, visto il DPCM del 2 marzo 2021: oltre a linee guida della Città metropolitana di Bologna


veduta dalla finestrella di via Piella a Bologna per Vitruvio Bologna

Il 22 marzo si celebra la Giornata mondiale dell’acqua (World Water Day), ricorrenza istituita dalle Nazioni Unite nel 1992 prevista all'interno delle direttive dell'Agenda 21, risultato della conferenza di Rio. Quest'anno la festeggeremo un po' in là nella settimana, per un weekend che omaggi l'elemento tanto prezioso con percorsi che raccontino la storia di Bologna Città d'Acqua. 
Seguiremo lo scorrere del Torrente Ravone fino in città, poi costeggeremo il rio Meloncello, ripercorreremo la storia delle vie d'acque partendo dal Sostegno del Battiferro lungo il Canale Navile e poi ancora lungo il torrente Savena, la vena d’acqua della città.
Bologna ha una storia fatta d’acqua: materia della vita, madre e mezzo per evolversi. Una meraviglia da scoprire insieme.

 

Le iniziative

 
sabato 27 marzo - ore 10.00
Per una Selva Oscura
Prenota online
Posti limitati, prenotazione obbligatoria
Ritrovo e termine: 
presso l'ingresso del parcheggio principale del Parco Cavaioni di fronte al civico 4 di via Cavaioni, Bologna
Contributo a persona da corrispondere in contanti all'accoglienza: € 10,00 - iniziativa sconsigliata ai minori di 14 anni
Durata: tre ore e mezza circa
Difficoltà percorso: E - Cosa significa? Clicca qui per approfondire
Info e prenotazioni: tel. 329 3659446 - associazione.vitruvio@gmail.com
 
Una camminata dalle suggestioni dantesche alle porte di Bologna. Una discesa vorticosa nella valle del Torrente Ravone "là dove 'l sol tace" mentre il torrente "rovina in basso loco". Seguendo le acque del torrente ritroveremo le suggestioni di un luogo selvaggio alle spalle della città. Assaporeremo l'odore del bosco, ci sorprenderemo degli affioramenti gessosi in una camminata dinamica che lascia spazio ad alcune improbabili e sorprendenti storie della nostra prima collina. Scopri di più
 
 
sabato 27 marzo - ore 15.00
Oltre le Cime degli Alberi
 
Prenota online
Posti limitati, prenotazione obbligatoria
Ritrovo:
Piazza Malpighi, angolo via Porta Nova (sotto al torresotto medievale), Bologna
Contributo a persona da corrispondere in contanti all'accoglienza: € 10,00 (€ 8,00 fino agli 11 anni) - iniziativa non adatta ai minori di 8 anni
Durata: due ore e mezza circa
Difficoltà percorso: T - Cosa significa? Clicca qui per approfondire
Info e prenotazioni: tel. 329 3659446 - associazione.vitruvio@gmail.com
 
Una camminata guidata con partenza dal centro di Bologna, per allontanarci immersi nelle atmosfere liberty delle vie cittadine e quindi raggiungere i giardini ed i boschi alle porte di Bologna, godendo di una finestra naturale sulla città turrita. La passeggiata ci mostra le alberature monumentali, il fascino della collina raggiungibile a piedi dal centro storico, le ampie vedute dei 300 Scalini, la bellezza di Villa Spada, col suo giardino all’Italiana, gli scorci verdi di Villa delle Rose e di altri luoghi immersi fra le valli incise del Torrente Ravone e del Rio Meloncello. Scopri di più
 
 
domenica 28 marzo - ore 10.00 e ore 15.00
Urban Trekking Navile: Raccontando Bologna Città d'Acqua

Prenota ora
Posti limitati, prenotazione obbligatoria
Ritrovo:
parcheggio Museo del Patrimonio industriale, Via Beverara 123, Bologna - (possibile arrivare con la linea 30 che porta direttamente in Via della Beverara)
Contributo a persona da corrispondere in contanti all'accoglienza: € 10,00
Durata: circa due ore
Difficoltà percorso: TrU - Cosa significa? Clicca qui per approfondire
Info e prenotazioni: tel. 329 3659446 - associazione.vitruvio@gmail.com

Partendo dal Sostegno del Battiferro, maestoso portale della navigazione Bolognese, risaliremo il corso del Navile scivolando lungo le acque del canale in un corridoio verde che si insinua in una città che gradualmente sfumerà nel rosso dei suoi mattoni.
Termineremo la camminata giunti alla Salara, affacciata su quello che fu l'antico Porto del Vignola. Il percorso si snoda fra elementi di natura urbana incastonati nelle maglie cittadine e tocca alcuni dei punti più caratteristici legati alle acque bolognesi, immediatamente fuori dalla cerchia cittadina, dove ancora si può vedere quanto altrimenti solo immaginabile. Scopri di più

 

domenica 28 marzo - ore 18.30
Il Torrente e il Drago: trekking per famiglie con bambini

Prenota online
Posti limitati, prenotazione obbligatoria

Ritrovo e termine: in fondo a via Cracovia, ingresso Parco dei Cedri (via Cracovia 29), Bologna. Termine presso il punto di partenza.
Contributo a persona da corrispondere in contanti all'accoglienza: € 7,00 
Durata: due ore circa
Difficoltà percorso: TrU - Cosa significa? Clicca qui per approfondire
Info e prenotazioni: tel. 329 3659446 - associazione.vitruvio@gmail.com

Un percorso pensato per i più piccoli, che ci porta lungo il torrente Savena. Partiti dall' Oasi a Libera Evoluzione curata da WWF Bologna, cammineremo lungo un torrente il cui passato è fatto di battaglie, di mulini, le cui acque canalizzate furono vitali per l’economia della città della seta, ma anche fonte di leggende. Durante la camminata, racconteremo la storia del mitico Drago di Bologna di Ulisse Aldrovandi, icona della zoologia fantastica bolognese.

 

Il calendario in breve

Sabato 27 marzo
Domenica 28 marzo

Regala Bologna con Vitruvio

CONSULTA LA PAGINA DEDICATA AI REGALI
DA POTER FARE CON VITRUVIO

BOLOGNA E' UN DONO: DILLO CON UN BIGLIETTO

Spettacoli, visite guidate, trekking urbano, percorsi nel verde e libri sulle meraviglie di Bologna 
chiedi info

Trekking Urbano

percorsi storico-naturalistici in centro storico e nel verde di Bologna

LEGGI TUTTO

Per prenotare

Puoi contattarci telefonicamente (anche nei giorni festivi) tel. 329 3659446
oppure scrivere una mail a associazione.vitruvio@gmail.com

 

Alla scoperta di Bologna divertendosi!

logo Battiferro

esperienze e approfondimenti per giovani esploratori  

La storia di Bologna e le sue meraviglie in iniziative su misura per i più giovani, pensate per essere proposte in classe e inserite nel programma scolastico: visite guidate mirate, spettacoli itineranti, cacce al tesoro, percorsi nel verde della città... 

CLICCA QUI PER SCOPRIRE DI PIU' SULLE PROPOSTE LUDICHE E DIDATTICHE

Calendario iniziative

GIUGNO

venerdì 18

sabato 19 

domenica 20

mercoledì 23

giovedì 24

venerdì 25

sabato 26

domenica 27

  •  

CLICCA QUI PER IL CALENDARIO COMPLETO

Le visite guidate in centro a Bologna

Vitruvio propone tantissime visite guidate, per farci apprezzare luoghi del centro storico di Bologna poco conosciuti o mai visti. Questi itinerari sono condotti da guide esperte.Scopri di più

 

Collabora con noi


  Vitruvio è sempre alla ricerca collaboratori per i suoi itinerari e per il Battiferro.
Clicca qui per saperne di più

LE PROPOSTE DI VIAGGIO A Barcellona

UNA CASA PER TE A BARCELLONA

 

Lo sapevi di avere un amico che ti offre casa sua a Barcellona? Chi è? Vitruvio!

Vieni a casa tua: Vitruvio ti propone un appartamento nel cuore di Barcellona per sentirti a casa anche in viaggio.

Clicca qui per saperne di più
sull'offerta di un appartamento a Barcellona

 
 

Le visite-spettacolo con Onorina Pirazzoli


Le visite-spettacolo che hanno Onorina Pirazzoli come guida speciale raccolte in un breve elenco da consultare. Scopri di più

 

Speciale TG1

Vitruvio ha accompagnato la giornalista del TG1 Carlotta Mannu a Bologna per realizzare un servizio sui sotterranei e sulle attività turistiche a essi collegati. Una bella occasione per rivedere alcuni dei luoghi celati della città, come ad esempio il Serraglio del torrente Aposa, che negli anni passati in tanti hanno potuto visitare partecipando alle nostre visite e ai nostri spettacoli. Non poteva mancare la zdàura Onorina Pirazzoli
Clicca per guardare lo speciale 

 

Feed RSS

Su Expedia

Vitruvio è anche sulla guida di viaggio Expedia
un vero e proprio punto di riferimento online per organizzare i propri viaggi!
Visita la pagina su Expedia

Chi E' Onorina Pirazzoli

UNA ZDAURA MODERNA

Lei è la zdàura, la madre di ogni massaia e di ogni donna che abbia sfaccendato per Bologna, da quando le due Torri non erano più grandi di due grissini. Per saperne di più...


Trekking Urbano

Questo sito utilizza cookies per personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Facendo click sul pulsante "Chiudi" si acconsente all’utilizzo dei cookies.